Iscriviti e sostieni la cultura, è gratis!
Just some ambient music
Paper Color
Font Size

No comments yet

Le passanti (Les Passantes)

Una poesia che diventa canzone nella giornata dedicata alla Donna

Cristina Mura

Musician
8th March 2021

Oggi, 8 marzo, durante la Giornata Internazionale della Donna leggiamo di temi ricorrenti nel tempo, vediamo post condivisi sui social anno dopo anno e scopriamo storie di donne "che hanno fatto la storia".
Io quest'anno mi sento di spostare lo sguardo verso qualcosa che forse per alcuni poco sarà collegato alla festa della Donna, ma in cui personalmente ho immaginato di vedere un via vai di donne semplici e ordinarie nascoste nel componimento "Les Passantes" del poeta francese Antoine Pol (1888-1971).


"Les Passantes" parla di queste donne. E chissà quanti di voi, prima di leggerle in versi, le hanno ascoltate come me...

Les Passantes

"Les Passantes" è una poesia di Antoine Pol scritta nel 1911, che ha raggiunto la notorietà soprattutto grazie alla sua messa in musica da parte di Georges Brassens.

Il tema principale della poesia è quello legato alla fugacità del tempo e all'incapacità dell'uomo di stargli dietro. La conseguenza è uno struggimento per una felicità intravista ma mai raggiunta, con il rimpianto che diventa un’abitudine.

I versi ispirano a una riflessione su questi due temi dunque, ma al contempo invitano a buttarsi in avanti con coraggio per cogliere le occasioni che la vita ci offre, per non avere rimorsi in futuro.

La metafora di questo concetto è resa attraverso l'immagine di una donna che non si è riusciti nemmeno a sfiorare, ma soltanto a vedere, portando l'osservatore (il lettore) all' illusione di essere un perfetto amante mancato.


"
À tous ces bonheurs entrevus
Aux baisers qu’on n’osa pas prendre
Aux cœurs qui doivent vous attendre
Aux yeux qu’on n’a jamais revus"

Lo stesso Antoine Pol, poco prima della sua morte, scrisse semplici ma significanti parole richiamando proprio questi temi.


"In sostanza, che cos’è un’esistenza umana? Un fugace lampo di coscienza …"

Poesia che diventa Musica: che cosa cantarono Brassens e Faber


La prima pubblicazione della canzone "Les Passantes" risale al 1972, quando fu incisa dal cantautore francese Georges Brassens che la inserì all'interno del suo album "Fernande".
Fabrizio De André reinterpretò la canzone nel 1974, riproponendo la versione di Brassens con il testo in lingua italiana, introducendola così nel panorama musicale del cantautorato italiano.
Qui di seguito ne riporto l'intero testo:


Io dedico questa canzone
Ad ogni donna pensata come amore
In un attimo di libertà
A quella conosciuta appena
Non c'era tempo e valeva la pena
Di perderci un secolo in più

A quella quasi da immaginare
Tanto di fretta l'hai vista passare
Dal balcone a un segreto più in là
E ti piace ricordarne il sorriso
Che non ti ha fatto e che tu le hai deciso
In un vuoto di felicità

Alla compagna di viaggio
I suoi occhi il più bel paesaggio
Fan sembrare più corto il cammino
E magari sei l'unico a capirla
E la fai scendere senza seguirla
Senza averle sfiorato la mano

A quelle che sono già prese
E che vivendo delle ore deluse
Con un uomo ormai troppo cambiato
Ti hanno lasciato, inutile pazzia
Vedere il fondo della malinconia
Di un avvenire disperato

Immagini care per qualche istante
Sarete presto una folla distante
Scavalcate da un ricordo più vicino
Per poco che la felicità ritorni
È molto raro che ci si ricordi
Degli episodi del cammino

Ma se la vita smette di aiutarti
È più difficile dimenticarti
Di quelle felicità intraviste
Dei baci che non si è osato dare
Delle occasioni lasciate ad aspettare
Degli occhi mai più rivisti

Allora nei momenti di solitudine
Quando il rimpianto diventa abitudine
Una maniera di viversi insieme
Si piangono le labbra assenti
Di tutte le belle passanti
Che non siamo riusciti a trattenere


Les Passantes e l'8 marzo

Nel 2018 Charlotte Abramow, fotografa e regista belga, ha realizzato un clip per la Giornata Internazionale delle Donne.
La scelta della colonna sonora per la sua creazione è ricaduta proprio sulla canzone "Les Passantes" di Brassens.
Potete visionare il filmato aprendo il link, che inserirò anche fra i suggerimenti nel mio profilo:

https://www.youtube.com/watch?v=wKTt8Tdeb5Y


La stessa Abramow ha definito il video ««un'ode alla Donna, alla sua libertà e diversità»», vista senza alcun (pre)giudizio.
Inoltre, l'artista si schiera a favore delle donne e del diritto di esprimere loro stesse, di sentirsi libere di fare le proprie scelte, di lottare unite per raggiungere insieme un unico obiettivo.


"un'ode alla Donna, alla sua libertà e diversità"
Hey, Do you like ilSalice.org?
Support our project with a donation
IlSalice.org is an idea by artists for artists, our aim is to create a community where culture is at the forefront, a space where you can share your passions and discover new ones. That's why your contribution is precious.