Iscriviti e sostieni la cultura, è gratis!
Just some ambient music
Paper Color
Font Size

No comments yet

L'OSSESSIONE DEL TEMPO

Non importa il quando, ma il come.

Il_mondodipad

profession
23rd February 2021

La necessità di dare una definizione al tempo è sempre stata presente nell’essere umano. Inizialmente veniva studiato in base all’alternanza tra il giorno e la notte, tra il periodo caldo e quello freddo, a seconda delle esigenze agricole fondamentali per la sopravvivenza della civiltà. Successivamente inizierà ad avere una scansione sempre più definita. Nascerà il calendario, l’anno verra diviso in stagioni, i giorni in ore, le ore in minuti e così via...

χρονος (Kronos) e καιρός (Kairòs)

È vero che il tempo può essere suddiviso scientificamente, ma può anche prendere un'accezione soggettiva.
Gli antichi greci ci arrivarono innumerevoli secoli or sono e diedero al tempo due identità, Kronos e Kairòs. Kronos indicava una visione del tempo tecnica, infatti, è proprio per questo che il “misuratore del tempo” utilizzato solitamente, si chiama cronometro. Kairòs, invece, rappresentava la percezione umana di esso data dalle sensazioni provate.


Il Tempo e la Vita

Frequentemente si pensa alle cose che potrebbero succedere durante una vita, ma non sembra mai abbastanza se non si presta attenzione verso uno degli ostacoli principali del tempo, l’esagerazione del riposo.
Il letto potrebbe diventare un vero “Blocca-Tempo” in grado di precludere la possibilità di vivere, trasformandosi in una prigione accomodante.È il luogo in cui nascono i sogni, ma dove non si possono realizzare. Durante il primo lockdown, il letto è stato una costante comune che ha contribuito alla sensazione di sospensione del tempo.È paradossale pensare a come si sia passati da una vita frenetica, ad una vita segregata tra le mura domestiche. La cognizione della vita in quest'ultimo anno è cambiata drasticamente. Le priorità che prima venivano date per scontate, di colpo si sono trasformate in fondamentali. La monotonia delle giornate è diventata un importante scoglio da abbattere poiché provocava quel senso di infinità che implicitamente suscitava ansia e frustrazione. La riacquisizione dell'equilibrio temporale è stata una dei compiti più ardui che l'umanità ha dovuto affrontare.


IL RAPPORTO DEL TEMPO NEL SURREALISMO

L’analisi del tempo è una determinante del surrealismo, fungendo da leitmotiv in numerose opere appartenenti a questa corrente.
Salvador Dalí dipinse un quadro in cui rende il tempo protagonista, si tratta de “La persisténcia de la memória”. In quest'opera emerge la liquidità del tempo che viene raffigurato da degli orologi con una forma fluida volti ad indicare la relatività di esso.
Un’altra figura importante del panorama surrealista è un noto regista appartenente alla storia del cinema spagnolo, Luis Buñuel.
Attraverso un magistrale controllo del tempo, riesce a scaturire nello spettatore un continuo interesse. Ad esempio ne “le charme discret de la bourgeoisie” le azioni vengono ripetute ciclicamente, con l’aggiunta di varianti strutturate appositamente per creare la tensione necessaria.


LA PERCEZIONE DEL TEMPO

Per riflettere sulla percezione del tempo, cito uno dei capolavori del panorama musicale italiano per antonomasia, “C’è Tempo”
Dicono che c'è un tempo per seminare
E uno che hai voglia ad aspettare
Un tempo sognato che viene di notte
E un altro di giorno teso
Come un lino a sventolare
C'è un tempo negato e uno segreto
Un tempo distante che è roba degli altri
Un momento che era meglio partire
E quella volta che noi due era meglio parlarci
C'è un tempo perfetto per fare silenzio
Guardare il passaggio del sole d'estate
E saper raccontare ai nostri bambini quando
È l'ora muta delle fate
C'è un giorno che ci siamo perduti
Come smarrire un anello in un prato
E c'era tutto un programma futuro
Che non abbiamo avverato
È tempo che sfugge, niente paura
Che prima o poi ci riprende
Perché c'è tempo, c'è tempo c'è tempo, c'è tempo
Per questo mare infinito di gente
Dio è proprio,
tratto dall’album Lampo Viaggiatore di un grande cantautore e poeta, Ivano Fossati.
Con questa lirica Fossati fa un’analisi profonda del tempo inteso come Kairos e il rapporto che l’uomo ha con esso.



"''È tempo che sfugge, niente paura Che prima o poi ci riprende Perché c'è tempo, c'è tempo c'è tempo, c'è tempo Per questo mare infinito di gente''"

Mi soffermo su quest’ultima strofa perché trovo importante sottolineare il messaggio di speranza e incoraggiamento che Fossati dà a tutte le persone che hanno paura di non riuscire a godersi appieno il proprio tempo. L’ossessione del tempo principalmente nasce per chi ha la paura di non fare mai abbastanza, per chi si sente giudicato e per chi giudica il prossimo, senza considerare le battaglie che vengono affrontate ogni giorno per cercare di vivere il tempo nel bene o nel male. Siamo padroni del nostro tempo ed è importante sfruttarlo al meglio per vincere le nostre guerre.


"“Siamo padroni del nostro tempo ed è importante sfruttarlo al meglio per vincere le nostre guerre.”"
Hey, Do you like ilSalice.org?
Support our project with a donation
IlSalice.org is an idea by artists for artists, our aim is to create a community where culture is at the forefront, a space where you can share your passions and discover new ones. That's why your contribution is precious.